PCT: Relata di notificazione e attestazione di conformità

A seguito delle modifiche introdotte dal D.L. 90/2014, molti Colleghi mi hanno chiesto come procedere all'attestazione di conformità delle copie digitali di provvedimenti scaricati dai registri di cancelleria digitali.
Come ben sappiamo, infatti, per il rilascio di tali copie l'Avvocato non dovrà pagare alcunché alla Cancelleria e potrà provvedere alla notifica digitale in proprio del provvedimento.
Di seguito, quindi, riporto una bozza di relazione di notifica che include l'attestazione di conformità di cui sopra.
Preciso che tale formula è frutto di una elaborazione personale e quindi, in assenza di precise indicazioni normative sul testo dell'attestazione di conformità, deve essere intesa come mera indicazione di massima senza pretese di giustezza e/o completezza di alcun genere. Ciascun Collega che deciderà di utilizzarla, quindi, lo farà - come è logico - a proprio rischio e pericolo e sotto propria responsabilità professionale.

RELAZIONE DI NOTIFICA TELEMATICA AI SENSI DELLA L. n. 53/1994
Io sottoscritto Avv. ................. (.............................), nell'interesse e quale difensore di ……………………….., in forza di procura alle liti posta in calce al ricorso per decreto ingiuntivo iscritto al n°… R.G. del Tribunale di ................ ho notificato, mediante posta elettronica certificata avente indirizzo mittente ..........................................., iscritta nel Registro Generale INDirizzi Elettronici – REGINDE, l'allegato ricorso per decreto ingiuntivo iscritto al n°… R.G. del Tribunale di ..........................ed il decreto ingiuntivo n°…………. del Tribunale di ..............................., nonché la citata procura alle liti (posta in calce al suddetto ricorso), il tutto alla ……………………… (P.I. ……………..), corrente in …………….., via ……………. n….., in persona del legale rappresentante pro tempore, mediante invio degli atti stessi al seguente indirizzo di posta elettronica certificata della predetta destinataria ……………………… reperito dal seguente pubblico elenco “INI-PEC: http://www.inipec.gov.it/cerca-pec”.
Si attesta, ad ogni effetto di Legge (art. 16bis comma 9bis del D.L.  18  ottobre  2012,  n. 179, convertito in legge con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e modificato dall’articolo 52 del decreto-legge n. 90 del 24 giugno 2014), che il ricorso per decreto ingiuntivo iscritto al n°… R.G. del Tribunale di ...................., la procura allegata allo stesso – ex art. 83 c.p.c. da considerarsi apposta in calce – nonché il decreto ingiuntivo n°…………. del Tribunale di ............... sono copie informatiche conformi alle rispettive copie informatiche presenti ed estratte dal fascicolo informatico di cancelleria.

La presente relazione di notifica è sottoscritta digitalmente dall’Avv. ................ del foro di ...............

Commenti

  1. Salve, vorrei procedere alla notifica in proprio di precetto e titolo esecutivo tramite PEC. Il titolo è in formato cartaceo pertanto dovrò fare una scansione e a questo punto il problema: posso attestarne la conformità all'originale? Perchè laddove ciò non fosse possibile, in sostanza non è mai possibile notificare tramite pec atti originariamente cartacei. Grazie mille
    P.S. Le sono davvero grato per gli approfondimenti che di volta in volta , con spirito di condivisione, mette in rete!

    Elio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'attestazione di conformità da cartaceo a digitale può essere effettuata ex art 3bis L 53/94

      Elimina
    2. Gentili colleghi mi sorgono due dubbi, spero di essere in grado di spiegarmi:
      1) L'avvocato può attestare la conformità di una copia cartacea (derivata da scansione) rispetto ad un originale cartaceo? Se SI in base a quale norma?se NO non si ravvisa una palese disparità di trattamento in base al formato? posto che se quello stesso documento originale cartaceo fosse stato scannerizzato su file digitale avrei potuto tranquillamente attestarne la conformità e da quest'ultimo avrei potuto ricavarne una copia cartacea attestando nuovamente la conformità?
      2) Mettiamo il caso che notifico via pec un decreto ingiuntivo, trascorsi 40 giorni diviene esecutivo e pertanto voglio far apporre la formula esecutiva, come fare? Lo stampo, certifico la conformità rispetto all'originale digitale, vi faccio apporre la formula esecutiva, poi lo riporto in forma digitale mediante scansione, ricertifico la conformità del formato digitale rispetto al cartaceo con formula esecutiva e lo notifico via pec ai fini della esecuzione? E' corretto? non è troppo macchinosa come cosa?
      Giorgio

      Elimina
  2. Grazie! In effetti bastava leggere la norma...mea culpa...
    Avrei un quesito che mi affligge ormai da settimane senza che sia riuscito a trovare risposta; riesce a spiegarmi in modo pratico e concreto in che modo si deve assolvere l'obbligo di conservazione delle fatture elettroniche?
    P.s. sono completamente "fuori tema" ma non sapevo in che modo porle il quesito

    Elio

    RispondiElimina
  3. Salve, a livello pratico per dare la prova della avvenuta notifica cosa bisogna stampare/allegare? pec inviata, ricevuta accettazione , ricevuta consegna SI ma in che formato? cioè cosa esattamente devo stampare? il corpo del messaggio oppure i file allegati daticert.xml, smime.p7s, postacert.eml (tra l'altro quest'ultimo non sempre c'è!è normale?) ?

    grazie per le sempre affidabili risposte

    RispondiElimina
  4. La prova digitale viene data dai file di email, ossia, dalle ricevute di accettazione e consegna che possono essere depositare telematicamente in formato eml oppure msg. Nel caso ci fosse necessità del deposito cartaceo va stampata tutta la mail compresi allegati e relata e va fatta un'attestazione di conformità ex art 9 comma 1bis L. 53 del 1994

    RispondiElimina
  5. Buongiorno,
    avrei un quesito a cui spero vogliate rispondere:
    la relata di notifica telematica e l'attestazione di conformità se l'atto lo estraggo dal fascicolo informatico come le devo allegare?
    Redigo un separato file in PDF che firmo digitalemente? oppure devo apporle in calce all'atto e poi ri - digitalizzo il tutto?
    Grazie in anticipo per la risposta
    Francesco Spina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta allegare la relata di notifica con inclusa attestazione di conformità. La redigi su word, salvi un PDF e firmi digitalmente.

      Elimina
  6. scusate l'ignoranza. sono alle prese con i miei primi decreti ingiuntivi. Vorrei notificarli a mani del debitore cosa devo fare?
    i passaggi qui di seguito elencati sono corretti?
    1) estraggo due copie del decreto ingiuntivo comunicatomi a mezzo pec (entro nella mia casella di posta e stampo due volte)
    2) stampo dal mio pc gli allegati inoltrati via busta (oppure "entro" nella busta telematica e stampo?
    3) predispongo una relata con le relative attestazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La notifica a mani non può essere effettuata in proprio dall'Avvocato

      Elimina
    2. ho saltato il punto 4) predispongo tutto in duplice copia e corro verso l'UNEP per la notifica

      Elimina
    3. Anche io avrei gli stessi dubbi.
      questi passaggi sono corretti ????????
      notifica di D.I. telem. non esecutivo
      1) Stampo in duplice copia: testo del ricorso PDF; procura alle liti +
      decreto.
      2) predispongo la relata
      3) porto il tutto dall'Uff. per la notifica
      4) scansiono copia notificata allego e richiedo formula esecutiva ??????????????????????????????????

      Elimina
    4. Si i passaggi in questo caso sono corretti solo che la formula esecutiva dovrà essere richiesta telematicamente allegando, appunto, la scansione della copia notificata del decreto.
      Come atto principale della busta in questione dovrà essere inserita un'istanza di richiesta di rilascio della formula esecutiva,

      Elimina
  7. Buongiorno.
    devo notificare a mezzo pec un decreto ingiuntivo telematico. ho chiesto alla cancelleria una copia conforme del provvedimento (al momento non appare infatti dal polisweb in numero del decreto ingiuntivo ne il cronologico e per essere sicuro ho preferito far attestare dal cancelliere la conformità). quindi ho scansionato la copia conforme in pdf l'ho firmata digitalmente ed ho redatto la relata ex art. 3 bis L. 53/94 a questo punto però mi è venuto il dubbio se allegare altresì il documento che ho prodotto nel fascicolo telematico relativo al conferimento della procura sottoscritta dal cliente autenticata da me, scansionata e firmata digitalmente, il tutto per permettere anche al debitore ingiunto di verificare la corretta sottoscrizione della procura alle liti sin dal momento della notifica. è un pensiero contorto o secondo voi è opportuno? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente in effetti si notifica anche la procura ma, per il futuro, ti consiglio di farla stampare al cancelliere dal fascicolo di ufficio così come il ricorso ed il decreto.

      Elimina
  8. ok grazie per la risposta
    Fabrizio

    RispondiElimina
  9. Salve,
    è possibile notificare in proprio, a mezzo posta, un decreto ingiuntivo telematico estratto dal fascicolo telematico, la cui attestazione di conformità è stata fatta dal difensore? Grazie

    RispondiElimina
  10. Certamente, ma in quel caso sarà necessaria l'autorizzazione del COA e l'attestazione di conformità andrà modificata in "copia analogica di copia digitale"

    RispondiElimina
  11. Grazie mille quindi riepilogando:
    - estraggo dal fascicolo telematico ricorso, procura e decreto;
    - preparo relata contenente l'attestazione di conformità (come da Suo modello);
    - infine notifico in proprio a mezzo posta (se c'è autorizzazione del Consiglio) ovvero via pec.
    Grazie

    RispondiElimina
  12. Salve, avrei una domanda:
    - ho notificato un ricorso via pec al tribunale, ora devo notificarlo alla controparte.. posso notificare direttamente la copia che vado a estrarre dalla pec, con relativa attestazione di conformità, anche se non c'è stato il passaggio attraverso Consolle Avvocati?

    RispondiElimina
  13. Salve a tutti. Come procedere per notificare in modo cartaceo un decreto ingiuntivo emesso in formato digitale ? Grazie

    RispondiElimina
  14. Salve a tutti. Ho depositato un ricorso in appello su atto cartaceo. La cancelleria della corte d'appello, nel comunicarmi il decreto di fissazione dell'udienza, mi ha trasmesso un file contenente il mio atto scansionato accompagnato da una mail con il seguente messaggio: "ok copie informatiche con dicitura: copia conforme all'originale informatico data e firma dell'avvocato su ogni copia". La scansione dell'atto di appello, però, non è presente sul polisweb. Posso notificare nel seguente modo? Ossia: 1. stampo il ricorso e il decreto di fissazione udienza; 2. attesto la conformità; 3 allego la relata di notifica; 4. notifico ai sensi della L. 53/94 per posta. E' corretto? Grazie

    RispondiElimina
  15. Francamente è strano che il file si trovi nel biglietto di cancelleria e non su polisweb, in ogni caso - volendo seguire fedelmente il dettato normativo - potresti attestare la conformità unicamente dei file presenti nei registri telematici di cancelleria

    RispondiElimina
  16. Ho controllato. E' stato in effetti inserito anche su polisweb. Mi confermi che la procedura che ho indicato per la notifica è corretta? Grazie davvero per il servizio che stai rendendo.

    RispondiElimina
  17. Se la notificazione deve essere fatta per posta ordinaria direi proprio di si, se invece deve essere fatta via PEC attualmente è invalsa la prassi di inserire l'attestazione di conformità all'interno della relata, ma tutto probabilmente cambierà dal prossimo 11 febbraio in virtù di questo_ http://processociviletele.blogspot.it/2015/01/processo-civile-telematico-regole.html

    RispondiElimina
  18. Salve, avrei un quesito da porre:
    Ho notificato un decreto ingiuntivo le cui copie sono state estratte da polisweb insieme al decreto del giudice, il punto è che le ho notificate senza allegare la procura alle liti.
    Corro qualche rischio in una possibile opposizione?
    Grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La busta telematica in 3 semplici fasi

I mille usi della posta elettronica certificata

La domanda di insinuazione al passivo alla luce del DPCM 13 novembre 2014